Domini con accento con l’introduzione degli IDN : analisi SEO

Dall'11 luglio 2012 è possibile registrare domini .it contenenti lettere accentate; cosa cambierà da un punto di vista SEO?

Condividi l'articolo

Salve a tutti!
Come la maggior parte di voi sapranno, da oggi 11 luglio 2012 è possibile registrare domini .it contenenti lettere accentate. I nuovi caratteri disponibili sono:

à, â, ä, è, é, ê, ë, ì, î, ï, ò, ô, ö, ù, û, ü, æ, œ, ç, ÿ

Inoltre sarà possibile inserire anche caratteri non latini!

Ma le novità non sono finite qui! Oltre che all’introduzione degli IDN (Internationalized Domain Name), il registro italiano consente, da oggi, a tutti i paesi dello spazio economico europeo di registrare domini .it che siano accentati o non.
Le new entry sono Stato della Città del Vaticano, Repubblica di San Marino, Islanda, Liechtenstein, Norvegia,  e Svizzera.

È possibile registrare questo tipo di domini presso netsons cliccando sul banner sottostante.

Ma cosa comporterà questo grande passo in avanti contro il digital divide?

Innanzitutto analizziamo il comportamento del browser quanto andiamo a navigare su di un sito che contiene un carattere speciale.
Prendiamo come esempio università.it; quest’ultimo diventerà xn--universit-y1a.it questo perchè gli idn vengono convertiti dai register seguendo una codifica a noi ancora sconosciuta.

Molti webmaster vedranno, quindi l’indirizzo del proprio dominio storpiato. Che in futuro si superi questo grande scoglio? Io sono sicuro di sì.

Dal punto di vista SEO, la trasformazione del dominio non sembri influenzare più di tanto i motori di ricerca. Infatti se cerchiamo, ad esempio forlì.com (i domini.com con l’accento sono attivi già da un pò) google, ci mostra come url forlì.com e non xn--forl-tpa.com come ci mostra la barra degli indirizzi del nostro browser.

Cosa decideranno di fare i motori di ricerca? Penalizzare i domini con l’accento o premiarli? Sicuramente, essendo nati da poco, per anzianità dovrebbero avere la peggio per quanto riguarda il posizionamento.

Supponiamo invece di registrare in questo momento due siti e di ottimizzarli allo stesso modo: aaaaaaà.it e aaaaaaa.it; secondo voi, quale dei due risulterà primo per la chiave di ricerca aaaaaaà?

Io sono convinto che nei prossimi aggiornamenti di google si terrà conto di questa innovazione e secondo me, i motori di ricerca tenderanno a premiare un dominio con un’accento qualora nella keyword sia presente l’accento stesso.

E voi? Cosa ne pensate? Avete già investito acquistando qualche dominio idn?
Io, personalmente, ho registrato alcuni domini, anche giusto per fare degli esperimenti SEO. Certamente vi terrò aggiornati!

Vi lascio con il video ufficiale del nic.